Location e posizione
Tipologia ricettiva
Nome struttura
Quartiere, area o città
...in un raggio di:
5 Km
10 Km
15 Km
+15 Km
Servizi
Opzioni aggiuntive
Fascia di costo
Minimo
Massimo
Indicare i prezzi desiderati sulla base del costo per notte, per persona.

Curiosità su Firenze

In questa pagina presentiamo un elenco di alcune delle numerose e suggestive curiosità sulla città di Firenze ...
In questa presentiamo alcune curiosità sulla città di Firenze.

Lo Stemma della città

Lo Stemma della città di Firenze è costituito da un giglio rosso in campo bianco chiamato giglio bottonato ed è il simbolo della città gigliata sin dall’XI secolo. In realtà, lo stemma non è sempre stato l’attuale, infatti, un tempo lo stemma era bianco su fondo rosso e fu solo nel 1251, in seguito alle lotte fra Guelfi e Ghibellini, che i colori furono invertiti e si adottò la versione del giglio rosso in campo bianco. Sulle origini del Giglio quale simbolo di Firenze sono numerose le leggende sorte in merito, infatti, si dice che l’abbinamento di Florentia e il giglio derivi dal fatto che la sua fondazione da parte dei romani avvenne nell'anno 59 a.C., durante le celebrazioni per l'avvento della primavera, o anche che derivi dal fatto che gigli e iris siano fiori molto comuni nelle campagne fiorentine.

Il Marzocco

Un altro dei simboli di Firenze è il Marzocco, ossia la figura di un leone che sostiene con la zampa lo stemma di Firenze. Simbolo del potere popolare, il Marzocco deriva il suo nome da Marte, il primissimo simbolo di Florentia che fu poi rimpiazzato dal felino. Divenuto il leone simbolo cittadino, nel periodo di Firenze repubblicana alcuni leoni vivi venivano custoditi in un serraglio dietro a Palazzo della Signoria, nella strada che ancora oggi porta il nome di via dei Leoni.

La fontana del Porcellino

La fontana del Porcellino, uno dei monumenti più famosi di Firenze, è un’opera in bronzo di Pietro Tacca ed è situata a margine della Loggia del Mercato Nuovo. La Fontana rappresenta tradizione, superstizione e arte, infatti, la tradizione vuole che tale monumento porti fortuna a chi posa una moneta sul muso del porcellino e la lascia scivolare facendola cadere nelle grate inferiori.

Il Perseo e l’autoritratto nascosto

All’interno della Loggia dei Lanzi è custodita una celebre scultura in bronzo realizzata da Benvenuto Cellini e raffigurante il Perseo trionfante che con una mano tiene i capelli della testa di Medusa e con l'altra una spada. Forse non tutti sanno che la splendida statua presenta in una sua parte l’autoritratto dell’autore e precisamente sulla nuca del Perseo. L’autoritratto si trova in una zona d’ombra, quindi, in una giornata poco luminosa non è molto visibile.